Attiva filtri
Seleziona prodottoRicerca veloce
Prezzo
  • 1 € - 330 €
  • 330 € - 660 €
  • 660 € - 990 €
  • 990 € - 1320 €
  • 1320 € - 1650 €
  • 1650 € - 1690 €
Prezzo
Marca
  • Tutte le marche
  • Effea
  • Faress
  • Gymnova
  • Ledraplastic
  • Trial
  • Vivisport
Marca
Ordina i prodotti per

Ginnastica ritmica: attrezzature per gare e competizioni


Nell'ambito della ginnastica ritmica, esistono attualmente le seguenti competizioni:
 
  • Campionati europei di ginnastica ritmica
  • Ginnastica ritmica ai Giochi Olimpici
  • Campionati del mondo di ginnastica ritmica
 
Al di là delle competizioni ufficiali, esistono altri tornei minori ma di rilievo in questa disciplina: il Torneo Corbeil-Essonnes, che si tiene nel Palazzo dello Sport di Corbeil-Essonnes, vicino Parigi; il torneo CariPrato, l'Incontro Internazionale di Thiais, la Deriugina Cup.
A livello nazionale, esistono tre campionati di federazione, differenti per livello tecnico: la serie C, la serie B e la serie A. Oltre a questi tornei, vi sono anche degli enti che promuovono la ginnastica ritmica mediante l'organizzazione di tornei e campionati.
 

Ginnastica ritmica: esercizi base


Nella ginnastica ritmica, gli esercizi vengono organizzati su una base musicale, possono essere eseguiti a corpo libero o con l'ausilio di attrezzi specifici. Nell'esecuzione degli esercizi, l'atleta deve risultare armonioso nei movimenti e molto abile nell'utilizzo degli attrezzi. Uno degli aspetti fondamentali è il controllo del proprio corpo. Nelle competizioni agonistiche, l'atleta deve rispettare le difficoltà che vengono anche dette “imposti”. Gli imposti si riferiscono all'esecuzione di figure comprese nei programmi tecnici, che vengono eseguite all'interno di una pedana di forma quadrata di metri 13x13, con penalizzazione nel voto per l'eventuale uscita dalla pedana durante l'esercizio. Gli esercizi base della ginnastica ritmica sono: equilibrio, flessibilità, onde, collegamenti, salti e pivot:
 
  • equilibrio: si compone di posizioni difficili, con un appoggio minimo e da mantenere per pochi secondi;
  • flessibilità: comprende posizioni quali spaccate frontali e sagittali;
  • onde: si tratta di movimenti ondulatori che coinvolgono l'intero corpo. Nello specifico, si parla di flessioni ed estensioni eseguite velocemente;
  • collegamenti: si tratta dei movimenti di unione, ovvero quelli che consentono di creare continuità tra un movimento e l'altro. La ginnasta deve svolgere le sequenze senza mai interrompere l'esercizio, in modo continuativo;
  • salti: possono essere semplici o composti. I salti composti presentano un elemento in più rispetto a quelli semplici che può essere un pivot, l'utilizzo di un attrezzo aggiuntivo o una spaccata;
  • pivot: termine francese che sta per “perno”, il pivot è un movimento rotatorio del corpo intorno al suo asse verticale con appoggio su un piede, un ginocchio o sul bacino. Se viene eseguito in aria, il pivot viene detto “salto a pivot”.

Di seguito un video della nazionale italiana di ginnastica ritmica al World Cup 2014.
 


Questo è il video della ginnasta russa Yana Kudryavtseva, 8 volte campionessa del mondo.



Il body da ginnastica ritmica


Nella ginnastica ritmica, le ginnaste indossano un body che consente loro di compiere movimenti fluidi, esaltandone la bellezza. Nella ginnastica ritmica, le atlete utilizzano due tipi di body: un body essenziale e semplice per gli allenamenti, e un body più elaborato ed impreziosito con elementi che valorizzino l'estetica della performance per le competizioni (decorazioni in pizzo, piume e strass). Il body da competizione è solitamente munito di gonnellina e deve coprire le scapole della ginnasta. L'elemento più importante di un body da ginnastica ritmica è il tessuto di fabbricazione, che deve presentare delle caratteristiche particolari affinché non influenzi negativamente la performance. Per garantire alle ginnaste la libertà assoluta nei movimenti, nonché un livello di comfort adeguato, il body deve aderire completamente al corpo dell'atleta, deve essere elasticizzato e traspirante. Dal punto di vista estetico, il body da ginnastica ritmica deve risultare piacevole alla vista, in quanto elemento di valorizzazione della performance. Attualmente, il materiale maggiormente impiegato per la fabbricazione dei body da ginnastica ritmica è l'Elastam: nota comunemente con il nome di Lycra, questa fibra sintetica di poliuretano è ideale per i body da ginnastica ritmica, in quanto impiegata per elasticizzare i tessuti. Questo materiale veste perfettamente e garantisce un ottimo livello di comfort. Questo tessuto, unito a decori di pizzo, velluto, strass e cristalli è in grado di coniugare il fattore tecnico con quello estetico, per una perfetta vestibilità.
 

La nazionale italiana di ginnastica ritmica


La squadra nazionale di ginnastica ritmica è composta da sei ginnaste, di cui cinque titolari e una riserva. La squadra, posta sotto la giurisdizione della FIG, la Federazione Ginnastica d'Italia, partecipa alle competizioni internazionali di ginnastica ritmica, tra cui vi sono i campionati mondiali, gli europei, le coppe del mondo e i giochi olimpici. Gli allenamenti delle ginnaste si tengono a Follonica in estate, mente, in inverno, il ritiro avviene presso il Centro Tecnico Federale Desio. Le atlete della squadra nazionale indossano i colori del Gruppo Sportivo dell'Aeronautica Militare. Nel 2004, le atlete della squadra italiana di ginnastica artistica sono state ribattezzate con il soprannome di “Farfalle”. Oggi, le ginnaste italiane sono conosciute anche con il nomignolo di “Leonesse”.
 

La ginnastica ritmica maschile


La ginnastica ritmica maschile è poco conosciuta in Italia. Il Giappone è stato il primo paese ad aver assistito alle performance di ginnastica ritmica effettuate da uomini. In questo senso, la ginnastica ritmica maschile è un'attività acrobatica che riflette le qualità fisiche e di destrezza degli atleti. Nella ginnastica ritmica maschile, gli attrezzi sono diversi da quelli usati dalle donne:
 
  • il bastone ginnico: viene utilizzato al posto del nastro
  • le clavette: sono più grandi e pesanti rispetto alle clavette femminili
  • i cerchi: presentano un diametro inferiore rispetto ai cerchi femminili
  • la fune
  • la palla
 
La ginnastica ritmica maschile è praticata anche in Europa, prevalentemente in Spagna, ed è identica alla ginnastica ritmica che conosciamo.

Qui il video della performance di un ginnasta giapponese. 
 


Qui il video della performance individuale di un ginnasta spagnolo. 



Di seguito vi mostriamo il video di una performance di ginnastica ritmica maschile di squadra. 

Attrezzi da ginnastica ritmica


La ginnastica ritmica è una disciplina della ginnastica ed è uno sport olimpico prevalentemente femminile. Per la pratica di questa disciplina è necessario il ricorso a varie attrezzature quali cerchi, palle, anelli, funi, nastri e tanti altri ancora. Navigate nel catalogo Faress e troverete tutti gli attrezzi da ginnastica ritmica, reperibili online anche in grandi quantità per l'allestimento di una sala da ginnastica ritmica completa e funzionale.
Totale prodotti: 93
Prodotti per pag
   1 2 3      
Totale prodotti: 93
Prodotti per pag
   1 2 3      
La ginnastica ritmica è una disciplina piuttosto moderna, le cui origini risalgono ai primi anni del Novecento, quando veniva chiamata “ginnastica moderna”. Sebbene si tratti di uno sport relativamente recente, sono stati ritrovati segni di attività a corpo libero effettuate con l'ausilio di piccoli attrezzi ai tempi degli Egizi, degli antichi Romani e dei Greci. La ginnastica ritmica si basa sul legame tra il ritmo e l'armonia dei movimenti che viene messa in evidenza proprio dalla musica. È così che il corpo trova la sua massima espressione di eleganza, armonia e sensibilità.
 

Ginnastica ritmica: come avviene una competizione


Una competizione di ginnastica ritmica implica la valutazione di due o più esecuzioni svolte in sequenza da parte di una giuria che assegna il punteggio. Gli esercizi possono essere eseguiti individualmente, in coppia o in squadra, con un limite massimo di 8 atlete. Nelle gare, gli attrezzi utilizzati sono sostanzialmente cinque:
 
  • fune
  • cerchio
  • palla
  • nastro
  • clavette
 
In alcune competizioni minori di ginnastica ritmica è prevista l'esecuzione di esercizi a corpo libero senza l'ausilio di attrezzature. La musica che accompagna l'esecuzione è parte dell'esercizio stesso, deve essere strumentale, ma, nell'ambito agonistico, l'esercizio individuale può anche essere effettuato senza musica. L'aspetto principale di questa disciplina è la scioltezza dei movimenti, la loro fluidità durante l'esecuzione senza la quale non sarebbe possibile svolgere una sequenza ordinata. Nelle gare di ginnastica ritmica, il punteggio viene determinato da tre fattori: difficoltà di corpo, difficoltà d'attrezzo ed esecuzione. Ogni fattore può raggiungere un massimo di 10 punti e ogni componente della giuria valuta un solo fattore. Il punteggio si ricava sommando la media dei punteggi dei tre fattori. Il massimo raggiungibile è 20 punti. Ai fini dell'assegnazione, le difficoltà corporee devono essere effettuate in relazione al movimento di un attrezzo. Inoltre, al valore della composizione si aggiunge quello della musica, che dovrà essere varia, l'esecuzione a tempo con la musica, la composizione di base, ovvero il movimento dell'atleta sulla pedana, la varietà dell'attrezzo e il modo di maneggiarlo, la varietà nella scelta delle componenti corporee, delle difficoltà e la loro distribuzione che dovrà risultare equilibrata nella composizione.
 

Attrezzi ginnastica ritmica: caratteristiche tecniche e tipologie


Per eseguire al meglio le performance di ginnastica ritmica è necessario ricorrere all'ausilio di alcuni attrezzi specifici. Chiunque offra corsi di ginnastica ritmica nella propria struttura non può non dotarsi di tutte le forniture necessarie per l'esecuzione dei vari esercizi. Faress è uno dei primi fornitori in Italia di articoli e prodotti per lo sport e propone un catalogo online ricco di tutto l'occorrente per la ginnastica ritmica. La ginnastica ritmica prevede l'utilizzo di più attrezzi, cinque dei quali sono fondamentali per l'apprendimento dei fondamentali di questa disciplina:
 
  • cerchio
  • clavette
  • fune
  • nastro
  • palla
 

Il cerchio


Nella ginnastica ritmica agonistica, il cerchio presenta un diametro diverso a seconda dell'altezza dell'atleta: può variare dagli 80 ai 90 cm. Si tratta di cerchi molto leggeri, di circa 300 grammi, solitamente fabbricati in plastica, PVC o nylon. I cerchi da ginnastica ritmica hanno spesso un colore di base, ma possono essere rivestiti dalle ginnaste con scotch colorati o strisce adesive di varie tonalità, a volte anche glitterate, o ricche di brillantini che valorizzino la componente coreografica. Nell'allenamento con il cerchio sono presenti, in modo uniforme, tutti i gruppi corporei: salti, giri o pivot, equilibri e souplesse. L'esercizio con il cerchio prevede un numero pressoché illimitato di lanci e riprese, poiché si tratta di un attrezzo estremamente versatile che può accompagnare ogni tipo di musica, lenta o veloce.
 

La clavette


La clavette è un attrezzo dalla forma simile a quella di un birillo allungato. La lunghezza delle clavette può variare dai 40 ai 50 cm, mentre il peso minimo è pari a 150 grammi. I materiali di fabbricazione delle clavette devono essere sintetici. La clavette presenta una sorta di elemento sferico, posto all'estremità del collo dell'attrezzo, che funziona come una sorta di impugnatura, ne facilita la presa e consente di girarla più agevolmente. Nell'esecuzione degli esercizi, è obbligatorio utilizzare due clavette. L'esercizio con la clavette coinvolge il gruppo corporeo degli equilibri: negli esercizi, le clavette vengono lanciate in aria e fatte ruotare, a volte facendole passare sotto una gamba o ruotandole in tanti altri modi. I movimenti con le clavette possono essere anche minimi, ad esempio quelli dei giocolieri, ma devono obbligatoriamente essere variegati.
 

La fune


La fune per la ginnastica ritmica è solitamente realizzata in cotone con dei nodi alle estremità. La lunghezza della fune varia a seconda dell'altezza dell'atleta. Anche in questo caso, durante lo svolgimento dell'esercizio, è fondamentale che l'utilizzo dell'attrezzo sia vario. Sempre durante l'esecuzione dell'esercizio, la fune può essere piegata in due, tre o quattro, o mantenuta aperta con le mani in corrispondenza dei nodi. Sono previsti anche altri movimenti con la fune piegata o annodata, ma si tratta di movimenti minori che, in quanto tali, non devono risultare predominanti. Un movimento importante in quanto tipico di questo attrezzo è quello di conduzione, ad esempio la vela e la controvela, i giri, i lanci e le circonduzioni. È altresì importante che la ginnasta esegua gli esercizi mantenendo la fune sempre in movimento e soprattutto senza farle prendere forme bizzarre o strani afflosciamenti. Le musiche che solitamente accompagnano gli esercizi con le funi sono veloci perché devono essere adeguate ai movimenti rapidi come i salti ritmati.
 

Il nastro


Il nastro è un attrezzo che serve per l'esecuzione di lanci e riprese e, come nei casi precedenti, deve essere utilizzato in modo molto variegato. Il gruppo corporeo del nastro è quello dei giri e dei pivot. Un aspetto importante nell'esecuzione è che il nastro sia sempre in movimento, a volte in modo serpeggiante, altre in modo circolare. I nastri possono presentare dei disegni ed essere di più colori. I materiali di fabbricazione sono il raso, la seta o materiali simili. In termini di dimensioni, i nastri devono presentare una larghezza che va dai 4 ai 6 cm, un peso minimo di 35 grammi e devono essere lunghi almeno 6 cm per le ginnaste senior e 5 cm per le juniores. Il nastro deve essere fabbricato con un unico pezzo. All'estremità del nastro c'è una bacchetta di forma cilindrica o conica, generalmente realizzata in legno, fibra di vetro o plastica, che deve presentare un diametro massimo di 1 cm nella zona più spessa e una lunghezza variabile dai 50 ai 60 cm. L'impugnatura della bacchetta può essere rivestita con materiali antiscivolo della lunghezza massima di 10 cm.
 

La palla


La palla da ginnastica ritmica è realizzata in gomma o in materiali sintetici, ha un diametro che può variare dai 18 ai 20 cm ed un peso minimo di 400 grammi. Il gruppo corporeo della palla è quello dei salti e dell'equilibrio. La palla da ginnastica ritmica può essere di qualsiasi colore.
 

L'abbigliamento da ginnastica ritmica


La tenuta ideale per la ginnastica ritmica comprende una serie di indumenti fondamentali quali:
 
  • il body: si tratta di un capo di abbigliamento disciplinato da criteri tecnici ben precisi. Per essere conforme a tali criteri, il body deve coprire la parte superiore del corpo lasciando scoperte le gambe, così da permettere un'esecuzione libera dei vari movimenti, spesso molto ampi. È consigliabile indossare body aderenti e traspiranti. Progredendo nella disciplina, ci si potrà orientare verso body con un'estetica particolare e più ricercata;
  • le scarpe: nella ginnastica ritmica, bisogna garantire il giusto comfort anche ai piedi con scarpe da danza ritmica morbide, pensate appositamente per questa disciplina.
 

Chiedi a Faress per allestire una sala da ginnastica ritmica


Ogni palestra o centro sportivo che eroghi corsi di ginnastica ritmica necessita di una sala adeguatamente attrezzata per l'esecuzione delle varie attività. Nel catalogo online di Faress troverete tutto l'occorrente per l'allestimento di una sala da ginnastica ritmica completa di cerchi, palle, corde, clavette e nastri, ma anche di cavalline per i volteggi, carrelli e armadi porta attrezzi, appoggi baumann in legno, anelli, maniglie e materassi antiscivolo. Rivolgetevi a Faress per un preventivo personalizzato per grandi forniture e potrete usufruire di sconti e promozioni. Chiamateci allo 06-71350124 oppure scrivete a posta@faress.com.
Contattaci - Clicca qui