Attiva filtri
Seleziona prodottoRicerca veloce
Prezzo
  • 1 € - 480 €
  • 480 € - 960 €
  • 960 € - 1440 €
  • 1440 € - 1920 €
  • 1920 € - 2400 €
  • 2400 € - 2438 €
Prezzo
Marca
  • Tutte le marche
  • Faress
  • O'Live Fitness
  • Xenios USA
Marca
Ordina i prodotti per

Esercizi con il bilanciere CrossFit®


Per chiunque si dedichi alle attività sportive funzionali, il bilanciere rappresenta uno strumento indispensabile per raggiungere la forma fisica desiderata. Grazie alla versatilità di questo attrezzo è possibile allenare tutto il corpo attraverso l'esecuzione di diversi esercizi che favoriscono lo sviluppo muscolare generale. Ma quali sono gli esercizi fondamentali da eseguire con l'ausilio del bilanciere?
 

Squat


Lo squat è un esercizio base nell'ambito delle attività funzionali in quanto permette di aumentare la forza, allenare i muscoli delle gambe, dei glutei e dell'addome bruciando un elevato numero di calorie. Nell'esecuzione dello squat, l'imperativo è mantenere la schiena dritta durante tutto l'esercizio, senza curvarla. Lo squat si esegue divaricando le gambe fino all'apertura delle spalle circa; il bilanciere va posizionato in corrispondenza del trapezio con il busto leggermente inclinato in avanti per una maggiore stabilità oppure, nella variante del front squat, sulle clavicole portando in avanti i gomiti. A questo punto si flettono le ginocchia e si scende con i glutei verso il basso, fino a formare un angolo retto tra cosce e stinchi. L'inspirazione aiuta molto il movimento perché favorisce la contrazione dell'addome, fondamentale per svolgere bene l'esercizio. Occorre fare attenzione a non curvare la schiena nella fase di discesa. Infine, attraverso la spinta delle gambe si ritorna nella posizione eretta iniziale e si espira.


Distensioni sulla panca


Le distensioni sulla panca sono molto conosciute nell'ambiente sportivo perché permettono di sviluppare i muscoli pettorali in modo molto efficace. Per l'esecuzione dell'esercizio basta stendersi sulla panca avendo cura di mantenere le scapole addotte e i piedi ben piantati a terra. A questo punto si inspira e si solleva il bilanciere per poi scendere riportando l'attrezzo quasi a toccare il petto (lasciare uno spazio di almeno 5 cm tra petto e bilanciere). La tensione che si verrà a creare a livello muscolare proteggerà le articolazioni dai possibili infortuni. Infine, occorre spingere il bilanciere in alto contraendo i muscoli pettorali per poi tornare alla posizione iniziale, espirando.
 

Military Press


Si tratta dell'esercizio migliore per l'allenamento delle spalle e lo sviluppo della forza. Per iniziare basta appoggiare il bilanciere sul petto, più o meno sotto le clavicole. Il bilanciere deve essere afferrato ad un'apertura poco maggiore a quella delle spalle. L'esercizio consiste nel flettere leggermente le ginocchia, inspirare, contrarre l'addome e spingere il bilanciere verso l'alto. L'addome contratto fornisce al corpo maggiore stabilità e protegge da eventuali infortuni. Durante l'esecuzione dell'esercizio è molto importante ricordarsi di espirare nella fase di salita con il bilanciere. Inspirando e mantenendo la schiena dritta si torna alla posizione iniziale.


Rematore con bilanciere


Questo esercizio è particolarmente indicato per lo sviluppo muscolare della schiena. L'esercizio consiste nell'afferrare il bilanciere con i palmi delle mani rivolti verso terra (presa prona), flettendo lievemente le ginocchia e portando il busto in avanti affinché il collo non sia in linea con la spina dorsale (lo sguardo è rivolto in avanti e non a terra). Mantenendo i gomiti vicini al busto si deve espirare e staccare il bilanciere da terra per tirarlo verso il proprio corpo, avendo cura di contrarre i muscoli della schiena e mantenendo la posizione per pochi secondi. Infine, inspirando si deve riportare il bilanciere a terra mantenendo la schiena dritta.
 

Stacchi da terra


Gli stacchi da terra favoriscono la crescita muscolare e l'aumento significativo della forza. In particolare, il lavoro coinvolge i muscoli delle gambe e della zona lombare della schiena. Per evitare i possibili infortuni, occorre fare molta attenzione alla postura, avendo cura di svolgere correttamente l'esercizio. La posizione iniziale è eretta con il bilanciere posizionato a terra dinnanzi a sé. Afferrare il bilanciere piegandosi in avanti con la spina dorsale dritta e con i piedi leggermente divaricati ma senza superare l'apertura delle spalle. A questo punto, inspirando e spingendo con le gambe si deve portare il busto in posizione eretta, espirando. Per tornare alla posizione iniziale, con il bilanciere poggiato a terra, basta piegare le ginocchia inclinando il busto in avanti. In questa fase è di fondamentale importanza mantenere le scapole addotte e la schiena contratta per evitare i possibili infortuni.


Quali muscoli si possono allenare con l'uso dei bilancieri?


In termini di allenamento invece, vogliamo ricordare che, attraverso l'utilizzo corretto del bilanciere, si possono allenare i seguenti muscoli:
 
  • spalle anteriori e posteriori;
  • trapezi;
  • pettorali;
  • bicipiti;
  • tricipiti;
  • muscolatura degli arti inferiori;
  • muscoli lombari;
  • muscoli dorsali
 
Come in tutti gli altri sport, per massimizzare l'efficacia dell'allenamento con il bilanciere ed evitare possibili infortuni occorre svolgere gli esercizi correttamente, mantenendo le giuste posizioni e le ripetizioni adeguate.

Bilanciere: le specialità nel weightlifting


Al di là dell'allenamento del CrossFit, il bilanciere è un attrezzo ampiamente utilizzato nella preparazione degli atleti al sollevamento pesi. Attualmente, esistono due specialità del sollevamento pesi:
 
  • lo strappo: consiste nel sollevamento del bilanciere sopra la testa con un unico movimento, portando l'attrezzo prima all'altezza delle spalle, per poi scivolare al di sotto della barra per distendere le gambe e raggiungere una posizione eretta che deve essere mantenuta fino all'ok dei giudici (2 secondi);
  • lo slancio: nello slancio, l'atleta deve compiere un movimento, detto girata, in cui porta il bilanciere all'altezza delle spalle, per poi portarsi al di sotto dell'attrezzo e concludere la performance alzandolo sopra la testa, a braccia tese. La fase finale dell'esercizio può essere eseguita a piedi pari o in sforbiciata (con un piede avanti e l'altro dietro). Ai fini della validità, lo slancio deve concludersi con l'atleta in posizione eretta a piedi paralleli e con le braccia tese. Una volta raggiunta la posizione corretta, l'atleta deve attendere l'ok dei giudici prima di riporre a terra il bilanciere.

Esecuzione di uno strappo 
 


Esecuzione di uno slancio 

 

Sollevamento pesi nel CrossFit


Per quanto riguarda il sollevamento pesi nel CrossFit, si distinguono prevalentemente tre tipologie di esercizi:
 
  • lo shoulder press: esercizio prezioso per l'aumento della massa muscolare dei deltoidi e per il potenziamento dei muscoli delle spalle;
  • il push press: si tratta di un esercizio che consente di incrementare la forza muscolare generale;
  • il push jerk: si tratta di una variante del push press.

Bilancieri per il CrossFit®


Il CrossFit® è un tipo di programma di allenamento oggi molto apprezzato dagli amanti dello sport, perché diversificato, intenso e molto efficace. Il CrossFit® riesce a combinare, tramite una serie di esercizi, varie tipologie di workout andando ad allenare la velocità, l'agilità, l'equilibrio, la pliometria, la forza muscolare e la resistenza dell'atleta. Tra le varie attrezzature necessarie per l'esecuzione dei vari esercizi vi sono anche i bilancieri, ovvero degli attrezzi che permettono di allenare l'intera muscolatura. Navigando nel catalogo degli attrezzi proposti da Faress per l'allenamento funzionale è possibile consultare un'ampia gamma di bilancieri per il CrossFit® in vendita online.
Totale prodotti: 30
Prodotti per pag
             
Totale prodotti: 30
Prodotti per pag
             
Il bilanciere CrossFit® è un attrezzo sportivo molto versatile, utilizzato prevalentemente allo scopo di allenare una vasta gamma di muscoli attraverso moltissime tipologie di esercizi. Il bilanciere è composto da una barra di acciaio di dimensione e peso variabili, alla quale va fissato un peso a forma di disco adeguato alle proprie condizioni e caratteristiche fisiche. I pesi vanno inseriti alle due estremità del bilanciere e bloccati mediante degli appositi fermi in ferro.
 

Caratteristiche dei bilancieri da CrossFit®


In commercio esistono diverse tipologie di bilancieri da scegliere a seconda degli utilizzi. I bilancieri che solitamente vengono utilizzati nelle sessioni di CrossFit® sono quelli con caratteristiche tecniche simili a quelle dei bilancieri olimpionici: 220 cm di lunghezza per 20 kg di peso per i bilancieri da uomo e 200 cm di lunghezza per 15 kg di peso per i bilancieri da donna. Il carico massimo può invece variare a seconda dei materiali di costruzione.
Va detto che, all'interno delle sale da fitness, si possono trovare bilancieri di diverse tipologie caratterizzati da specifiche tecniche differenti a seconda dell'azienda che li produce.
Tra le caratteristiche più importanti dei bilancieri da CrossFit® troviamo l'elasticità, un parametro fondamentale per la corretta esecuzione degli esercizi: l'oscillazione del bilanciere assorbe infatti l'impatto del carico sull'atleta e, se ben sfruttata, produce un effetto molla che accumula energia nella fase di discesa per poi restituirla all'atleta nella fase più difficile ovvero quella che prevede l'inversione del movimento.
In più, per l'esecuzione dei vari esercizi e movimenti funzionali, esistono anche bilancieri esagonali ideali per lo svolgimento degli stacchi da terra. Facciamo l'esempio del bilanciere esagonale O'live presente nel catalogo di Faress: si tratta di una barra che consente di eseguire gli stacchi da terra tipici del CrossFit® senza stressare la parte bassa della schiena, un attrezzo particolarmente adatto per chi soffrisse di problemi alla schiena. Le prese di questo bilanciere sono inoltre dotate di un grip neutro ma molto efficace e sicuro.
Avete l'esigenza di focalizzare il vostro lavoro negli affondi, negli squat o negli stacchi da terra? Faress propone un bilanciere molto speciale realizzato da Xenios USA (un marchio leader nell'ambiente del CrossFit®) in collaborazione con l'inventore dello stesso attrezzo, il Dottor Caruso Gianpaolo: è il Semi Bar Regular si tratta di un bilanciere in acciaio cromato caratterizzato da una forma a semicerchio che permette di lavorare a piedi paralleli e a gambe incrociate, così da coinvolgere tutti i gruppi muscolari responsabili dell'accelerazione. Nelle palestre che propongono l'allenamento funzionale si trovano anche i bilancieri progettati per il CrossTraining, o per l'apprendimento di tutte le tecniche di sollevamento pesi. Per gli atleti avvicinatisi da poco al mondo del CrossFit®, il bilanciere Technique proposto da Faress rappresenta lo strumento ideale per l'apprendimento nei corsi degli atleti neofiti: realizzato in alluminio per un peso di 5 kg, questo bilanciere offre una presa salda e sicura con markers antiscivolo come previsto dalla Federazione Internazionale Pesistica.
Quali sono i principali materiali di fabbricazione dei bilancieri da CrossFit®?
 

Materiali


Come si evince dalle caratteristiche dei bilancieri presenti nel catalogo di Faress, uno dei materiali maggiormente impiegati nella fabbricazione dei bilancieri da CrossFit® è l'acciaio, ma viene spesso utilizzato anche l'alluminio poiché conferisce al bilanciere un peso nettamente inferiore mantenendone le caratteristiche tecniche.
I bilancieri ideali per il CrossFit® sono quelli in acciaio, un materiale in grado di sopportare dei carichi molto importanti garantendo al tempo stesso un'elevata elasticità.
Per via del peso spesso molto ingente che questi attrezzi devono sopportare, i bilancieri sono attrezzi dalla meccanica piuttosto complessa: di seguito ne descriviamo le caratteristiche principali.
 

Lo snervamento


Per snervamento si intende il limite del peso che può essere caricato su una barra per permetterle di flettersi e tornare poi alla sua posizione iniziale. A seconda della disciplina che si pratica si possono prediligere barre più o meno flessibili.
 

La resistenza alla trazione


La resistenza alla trazione di un bilanciere si misura in libbre per pollice quadrato (PSI) e rappresenta la quantità di forza richiesta per tirare la barra e stabilire il carico di rottura del bilanciere. La resistenza dell'acciaio è direttamente proporzionale al PSI (maggiore è il PSI maggiore è la resistenza). In via generale, possiamo affermare che i bilancieri destinati alle discipline olimpiche presentano un acciaio con una resistenza alla trazione oltre i 200.000 PSI, mentre i bilancieri di qualità, ma di uso comune, sono caratterizzati da una resistenza che si aggira intorno ai 190.000 PSI. L'utilizzo di bilancieri caratterizzati un PSI inferiore ai 190.000 è invece sconsigliato per via delle possibili incurvature.
 

I cuscini e i cilindri


All'interno dei manicotti del bilanciere vi sono dei cuscinetti che permettono ai cilindri di ruotare, determinando la quantità di rotazione della barra. In commercio esistono principalmente due tipologie di cuscinetti: le boccole, realizzate spesso in materiale con un livello di attrito basso, generalmente in bronzo, e i cuscinetti a sfera e ad aghi che invece consentono una rotazione maggiore ma sono più costosi.
 

La finitura


La finitura di un bilanciere altro non è che un rivestimento protettivo di cui l'attrezzo può essere dotato o meno. In assenza di finitura, o in caso di finitura in acciaio o in ossido nero il bilanciere avrà bisogno di una maggiore manutenzione per evitare che le sue parti si ossidino a contatto con l'umidità e l'acidità della pelle delle mani. I produttori sono coscienti dell'elevato rischio di ossidazione delle componenti e devono quindi applicare delle protezioni chimiche per evitarne il danneggiamento. Tra le finiture più diffuse troviamo:
 
  • cromatura: uno strato di cromo viene applicato elettroliticamente su tutta la struttura del bilanciere. Il cromo si lega a livelli molecolari con gli strati ferrosi superficiali proteggendo il bilanciere dall'ossidazione. Può però accadere che i continui sfregamenti rovinino il rivestimento cromatico lasciando intravedere lo strato sottostante color rame;
  • zincatura: di solito si usa solo a livelli artigianali. Esistono diverse tipologie di zincatura, ma la più diffusa è quella elettrolitica. Si tratta di quel rivestimento che tende a conferire un riflesso metallico azzurro agli attrezzi. La zincatura è caratterizzata da un livello molto elevato di resistenza all'ossidazione anche in seguito a danneggiamenti, poiché sprigiona un ossido che continua a proteggere l'attrezzo dalla ruggine;
  • brunitura: si tratta di un trattamento molto particolare, una ruggine naturale tipica dell'acciaio che, se fatta correttamente, si rivela molto resistente in quanto non è soggetta ad alterazioni a contatto con l'aria.
 

La zigrinatura


La zigrinatura centrale del bilanciere è la parte che agevola l'atleta a mantenere la barra sulla schiena nelle sessioni di back squat. La zigrinatura centrale si trova solitamente sui bilancieri destinati al powerlifting, mentre su quelli olimpici può non essere presente. In linea generale, possiamo affermare che la presenza della zigrinatura centrale sul bilanciere rimane una scelta personale dell'atleta.
 

Bilanciere CrossFit®: guida alla scelta


Il CrossFit® è un tipo di allenamento composto da esercizi eseguiti con un numero piuttosto elevato di ripetizioni. A tale riguardo è preferibile dotarsi di un bilanciere studiato appositamente per il CrossFit®, ovvero che presenti una zigrinatura morbida, non centrale, che non danneggi i palmi delle mani durante lo svolgimento delle varie ripetizioni. Inoltre, è preferibile che il bilanciere sia caratterizzato da un alto livello di rigidità di ritrazione, indice della buona resistenza dell'attrezzo. Ma quali sono i criteri per la scelta del giusto bilanciere da CrossFit®?
I bilancieri variano a seconda dell'utilizzatore: uomo o donna e sollevatori molto giovani alle prime esperienze.
Indipendentemente dalla tipologia, i bilancieri variano nel peso, nel diametro della presa e possono differenziarsi anche in base alla lunghezza complessiva. I bilancieri sono attrezzi ideati principalmente per gli uomini, ma alcune case di produzione realizzano anche le varianti per donne.
Ai fini di una scelta adeguata del bilanciere più adatto per le sessioni di CrossFit®, vi forniamo il seguente schema che speriamo possa esservi utile. Le specifiche si riferiscono ai modelli olimpici, ma possono essere usate come riferimento utile per comprendere la misura più adatta alle proprie capacità e caratteristiche fisiche:
 
  • bilanciere olimpico maschile: 20 kg di peso, 28 mm di diametro della parte impugnabile e 220 cm di lunghezza;
  • bilanciere olimpico femminile: 15 kg di peso, 25 mm di diametro della parte impugnabile e 205 cm di peso;
  • bilanciere olimpico giovanili: 10 kg di peso, 25 mm di diametro della parte impugnabile e 150/180 cm di lunghezza.
 
Esulano dallo schema i bilancieri in alluminio poiché possono avere un peso di 5 kg per un carico massimo di 150 kg. Per gli utilizzi in palestra è consigliabile fare riferimento all'allenatore per evitare di scegliere il bilanciere sbagliato e andare incontro a possibili infortuni.

Quali accessori si utilizzano per l'allenamento con il bilanciere da CrossFit®? Il bilanciere è un attrezzo che può essere abbinato ai dischi bumper, ovvero dei pesi in gomma applicabili alle due estremità del bilanciere che consentono di effettuare gli esercizi di sollevamento pesi in tutta sicurezza. Scoprite gli approfondimenti sui dischi bumper nell'apposita pagina dedicata!
Per il blocco dei pesi da applicare al bilanciere si usano invece i fermi dischi safe lock che si possono reperire online sul catalogo di Faress. I ferma dischi possono essere di più tipologie a seconda anche del carico che si intende sollevare: i ferma dischi a molla realizzati in acciaio, come quelli presenti in catalogo, offrono un elevato livello di resistenza e una grande affidabilità durante l'esecuzione degli esercizi, rivelandosi ideali per il lavoro con carichi importanti.
Esistono poi collari speciali per bilancieri, distribuiti dalla Xenios USA e proposti da Faress all'interno del catalogo: caratterizzati da un design moderno e costituiti da una resina particolare ad alta resistenza, questi collari garantiscono una sicurezza maggiore perché si inseriscono saldamente nella struttura dei bilancieri offrendo un supporto ideale dei dischi.
La Xenios USA ha inoltre realizzato una gamma di catene per l'esecuzione degli esercizi con il bilanciere. Le Gym Chain, presenti nel catalogo di Faress, servono ad aggiungere un coefficiente di difficoltà agli esercizi con il bilanciere: durante il movimento, le catene tendono ad oscillare attivando il coinvolgimento dei muscoli stabilizzatori del tronco necessario per ripristinare l'equilibrio. Queste speciali catene vengono fabbricate in acciaio zincato, sono molto resistenti alla corrosione e non sono soggette alla formazione della ruggine.
Infine, per aumentare il livello di impugnabilità del bilanciere, sono disponibili in catalogo delle speciali impugnature realizzate in foam ad alta densità che consentono una presa del bilanciere stabile e sicura, in grado di conferire anche un maggior livello di comfort all'utilizzatore.
 

La manutenzione del bilanciere


Quando un bilanciere è costituito da acciai di prima qualità, questo è esente da manutenzione poiché i punti più critici, ovvero quelli di maggiore attrito, vengono sostenuti da bronzine autolubrificanti. Tuttavia, può rendersi necessario un intervento sui perni dell'asta principale nel caso in cui il loro scorrimento risultasse più difficile del normale. Basterà applicare uno spray lubrificante all'interno e all'esterno delle fessure posizionate all'estremità dei perni. Vediamo nello specifico quali sono gli interventi di manutenzione da compiere in base al materiale del bilanciere.

  • le barre cromate: l'ossidazione delle barre cromate è inevitabile. Si può tuttavia tentare di ritardare l'effetto ossidante tramite delle piccole accortezze che prolungheranno la cromatura. Innanzitutto sarà buona norma pulire bene il sudore rimasto sulla barra in seguito all'utilizzo. In secondo luogo è consigliabile pulire la barra con un prodotto sgrassante ed uno spazzolino morbido per la zigrinatura. Una volta rimosso lo sporco, è possibile usare dell'aria compressa per completare la pulizia della zigrinatura. Infine, se si desidera conferire un tocco di lucido alle barre, si può utilizzare un lucido per cromature non abrasivo;
  • le barre brunite: la brunitura delle barre è fortemente soggetta alla formazione della ruggine, specialmente se non viene pulita ed asciugata dopo ogni utilizzo. Con un po' di attenzione si potrà conferire alla brunitura un aspetto nero lucente, nonché una maggiore durata nel tempo. Con l'ausilio di uno spazzolino morbido pulite la zona zigrinata, l'ideale sarebbe utilizzare l'aria compressa. Si consiglia di applicare una buona quantità di di olio sulla parte interna dei manicotti, in particolare nel punto di contatto con il bilanciere. Applicate l'olio anche alle estremità del bilanciere, avendo cura di farlo passare anche nel foro del tappo cromato. Inclinate il bilanciere, lasciatelo riposare per qualche ora e poi ripetete il procedimento dall'altro lato. Applicate uno strato minimo di olio alle restanti parti e lasciate che la barra lo assorba nell'arco di una notte. Eliminate infine l'olio in eccesso e pulite accuratamente la barra;
  • le barre in acciaio inossidabile: l'acciaio inossidabile ha il vantaggio di non essere soggetto alla formazione della ruggine. È pertanto impossibile che le barre in acciaio inox si usurino o si sfoglino. Le uniche operazioni da effettuare su questa tipologia di barre riguarda la pulizia e la lubrificazione dei manicotti, essenziale per evitare che si blocchino. Con l'ausilio di uno spazzolino morbido si può provvedere alla pulizia della zigrinatura eliminando i residui di olio. Applicare olio in abbondanza nella zona di contatto tra i manicotti e il bilanciere, nonché alle due estremità della barra, avendo cura di farlo colare nel foro del tappo cromato. Lasciate il bilanciere in posizione verticale per qualche ora e ripetete il procedimento dall'altra parte. Rimuovete l'olio in eccesso e pulite con cura la barra.


Bilancieri: al di là del CrossFit®


Oltre al CrossFit®, i bilancieri sono attrezzi utilizzati anche in altre discipline. Nelle palestre, oltre ai bilancieri da CrossFit di cui vi abbiamo appena parlato, si possono trovare dei bilancieri con caratteristiche tecniche particolari che vengono impiegati nella preparazione atletica di specialità come il Powerlifting e il Weightlifting. Per soddisfare la vostra curiosità vi forniamo delle informazioni sui bilancieri ideati per le discipline diverse dal CrossFit®.
I bilancieri da weightlifting (IWF) sono considerati come i bilancieri olimpici poiché vengono utilizzati nelle Olimpiadi e rispondono a determinate specifiche tecniche. Nel weigtlifting, la rotazione delle mani è molto veloce e i pesi si muovono a grandi velocità. In questo caso, le inerzie sono parametri molto importanti da considerare: i collari montati sui cuscinetti permettono una rotazione libera dei pesi nonché lo scarico delle forze inerziali.
I bilancieri per il powerlifting si differenziano dagli altri modelli per la zigrinatura più marcata posta nella parte centrale dell'attrezzo allo scopo di garantire una presa migliore. Per via dei carichi notevolmente più pesanti tipici del powerlifting, il bilanciere dedicato a questa disciplina presenta una struttura più rigida rispetto a quella dei bilancieri olimpici: la rotazione libera dei collari è data dalle bronzine, ovvero dei cuscinetti ad attrito radente più indicati per sostenere i grandi carichi. Il bilanciere da powerlifting deve essere diritto, deve presentare una zigrinatura e una scanalatura. Le specifiche standard dei bilancieri per il powerlifting sono le seguenti:
 
  • lunghezza complessiva non superiore ai 220 cm
  • distanza fra le facce interne dei collari non superiore ai 1320 mm o inferiore ai 1310 mm
  • diametro del bilanciere non superiore ai 29 mm o inferiore ai 28 mm
  • peso del bilanciere e dei collari pari a 25 kg
  • diametro del manicotto, la parte del bilanciere destinata all'inserimento dei dischi, non superiore ai 52 mm o inferiore ai 50 mm
 
A differenza dei modelli per il powerlifting, i bilancieri olimpici sono dotati di zigrinature meno marcate che forniscono meno aderenza rispetto ai bilancieri per il powerlifting, ma allo stesso tempo consentono alle mani di muoversi più agevolmente. Le barre dei bilancieri olimpici sono inoltre più flessibili e la struttura stessa dell'attrezzo risulta più elastica rispetto a quella dei bilancieri per il powerlifting.
Le specifiche standard dei bilancieri olimpici sono le seguenti: lunghezza complessiva pari a 220 cm per 20 kg di peso o 150 cm per 15 kg di peso. Per quanto riguarda i materiali, tra le principali tipologie di acciaio impiegate nella fabbricazione dei bilancieri troviamo:
 
  • acciai inossidabili: sono tra i più resistenti e costosi poiché non soggetti ad ossidazione. I bilancieri di questa tipologia sono destinati agli utilizzi professionali;
  • acciai speciali: sono quelli costituiti da leghe di Nichel, o cromo ad esempio e sono caratterizzati da una resistenza molto elevata. La rigidità delle leghe metalliche rende questi bilancieri pressoché indeformabili dalle sollecitazioni meccaniche. I bilancieri di questo tipo sono piuttosto rari e costosi. In questa categoria di acciai rientrano anche quelli legati da bonifica, in particolar modo quelli ad alto tenore di carbonio, caratterizzato da un'elevata lavorabilità. I bilancieri di questo tipo risultano molto elastici e resistenti, ma allo stesso tempo potrebbero spezzarsi se sottoposti a stress estremi;
  • ferro dolce: si tratta del ferro al suo stato più puro e quindi molto malleabile, ma poco resistente. Se Sottoposto a forte stress (oltre i 150 kg), il bilanciere in ferro può deformarsi ed assumere la classica forma “a banana”, ma senza spezzarsi. I bilancieri di questa tipologia sono adatti al CrossFit®, purché non si superino i 150 kg di carico. Al contrario, non sarà possibile trovare in commercio dei bilancieri in ferro dolce destinati al powerlifting.
 

Dove acquistare il bilanciere da CrossFit®


È possibile acquistare il bilanciere per l'allenamento in casa direttamente online sul catalogo di Faress, oppure si può richiedere un preventivo personalizzato per una fornitura di bilancieri da CrossFit® per palestre e centri sportivi ricevendo il listino prezzi riservato ai fornitori.
Per ottenere un preventivo senza impegno e un servizio di consulenza sull'acquisto dei bilancieri da CrossFit® è possibile contattare il numero verde 06-71350124 oppure scrivere all'indirizzo di posta elettronica posta@faress.com.